A PHP Error was encountered

Severity: Notice

Message: Undefined index: HTTP_ACCEPT_LANGUAGE

Filename: controllers/visitor.php

Line Number: 10

Arreda la tua casa con il tuo portale d'Arte e Artigianato - Work
6214755
  • Like   1299 K
    2571
    21174
    Maria Grazia Lunghi   43 747 1 ALBUM   ALL ALBUM   SUGGEST   Contact the artis  
    1
    follow
    Curriculum
    Artist

    Curriculum

    Maria Grazia Lunghi
    Curriculum vitae
    Maria Grazia Lunghi inizia a dipingere con continuità a partire dal 1972.
    Un primo periodo è dedicato alla pittura a tempera su tavola, con soggetti figurativi ripresi dalla natura e riproposti in tono fantastico.
    Nel 1976 si laurea in pedagogia presso la Facoltà di Magistero dell’Università di Roma La Sapienza. Negli anni ‘80 fa parte del gruppo di artisti Magazzini generali, che organizza una serie di mostre dal titolo Reinventare i luoghi dell’arte.
    Dal 1989 al 1991 frequenta la Scuola del nudo all’Accademia di Belle Arti di Roma.
    Nella seconda metà degli anni ‘80 introduce l’olio nelle sue opere, trattate spesso con la materia (seta, sabbia, fili di tessuto). I soggetti, pur rimanendo figurativi, acquisiscono echi e aperture informali. Dagli inizi degli anni ‘90 produce tele ad olio con soggetti figurativi tratti da esperienze di viaggio. Dal 1978 espone con continuità le sue opere in mostre personali e collettive, e partecipa a concorsi a livello nazionale e internazionale.

    La ricerca artistica
    Maria Grazia Lunghi vive ed opera nella sua città, Roma.
    Inizia la sua attività negli anni '70. Nel 1980 entra a far parte dell'Associazione culturale “Magazzini Generali”, attiva su un ampio spettro di arti e culture, nel tentativo di portare l'arte in strada, viva e vivace come nella Parigi di fine '800. Tentando, con questo, una strada diversa rispetto alle logiche più aberranti del mercato, lontana dai circuiti ufficiali canonizzati.
    Da qui le prime mostre nei bar, nelle piazze, ma anche un continuo incontro e confronto di idee, di esperienze, di progetti per un diverso modo di fare e proporre arte.
    L'esigenza di comunicazione diretta, non mediata da percorsi obbligati, si riflette nella sua esperienza pittorica che, fin da allora, offre a chi osserva la possibilità di ripercorrere con immediatezza la sua avventura interiore: una tendenza all'espressione confidenziale dei propri stati emotivi, che si trasmette dapprima attraverso immagini forti, incisive, crude. Immagini di cose, oggetti, elementi comunque riconoscibili anche se inseriti in un contesto ambiguo, evanescente, costellato di piccole macchie incongrue, di sottile inquietudine.
    Poi, con il tempo, il segno si allarga, si disperde, le figure si allontanano dai contorni consueti, divengono metafore, ed il colore si fa tratto, macchia, episodio, in un insieme destrutturato nella forma, più immediato nel trasmettere. Tutto ciò avviene senza ricorso a facili evocazioni tematiche, linguistiche, culturali, lontano da ogni moda; la pittura procede in totale autonomia, anche scontando momenti di incertezza, di dispersione, come è sempre nel fluire dell'esperienza interiore.
    Dai primi anni ’90 l’esperienza informale cede gradualmente il passo ad una visione più strettamente “paesaggistica”, stimolata dalle numerose esperienze di viaggio in luoghi lontani, diversi: Yemen, India, Guatemala, Scozia, Marocco, Egitto, Birmania, Libia, Perù.
    Sempre più lega il suo lavoro a tematiche sociali, partecipando ad iniziative promosse in tal senso.
    In questo percorso l’artista si muove oggi, nella continua ricerca di una capacità espressiva interiore filtrata attraverso un nuovo sentire, nuove esperienze, nuovi luoghi.
    27 0

    CITTA' METROPOLITANA
    image of the work
    0
    I like

    Art movement: Abstract
    Gender: Painting
    Technique: mixed media
    size: cm 100.0 x 100.0 x 3.0
    image: 509x498 (0.24 Mpx)

    LINK: Longitude 0.000000°
    latitude 0.000000°
    Description : Colate di cemento ricoprono la terra fino a nascondere il cielo, la città si allarga a macchia d’olio divorando la campagna, e i costruttori ingrassano; Rampanti architetti propongono modelli di ingombranti grattacieli relegando gli alberi sui balconi asfittici. Ovunque cantieri a cielo aperto, grandi e piccoli, iniziati e abbandonati. I centri commerciali ammiccanti hanno ricoperto il territorio, sono diventati punti d’incontro per chi cerca di superare il senso di solitudine che avvolge come una coperta fredda. Piante selvatiche spontanee spuntano con forza e determinazione attraverso le spa
    immagine della opera

    NOTA D'AUTORE

    immagine della opera

    SIRIA Guerra in corso

    immagine della opera

    QUEL GIORNO ERANO IN TANTI

    immagine della opera

    IL GIARDINO DEI CEDRATI

    immagine della opera

    FUORI UOGO

    immagine della opera

    PERIFERIE 3

    immagine della opera

    IN PIENO CAOS

    immagine della opera

    UNA RISATA VI SEPPELLIRA' ditt...

    immagine della opera

    SPECCHIO SPECCHIO DELLE MIE BR...

    immagine della opera

    CONTAMINAZIONI

    immagine della opera

    DANZANDO SUL VULCANO

    immagine della opera

    CITTA' METROPOLITANA

    to post a comment you need to LOGIN
    if you are not user SIGN


    Comments

    Openarte of Arte e territorio srl Head office - Padova (PD) Tel: +393491408081 – Fax: +390497964383 P.IVA – C.F. - 04482570282 --- Social Capital € 10.000
    Cookies help us to deliver quality services. It is assumed that you agree with this, but you can choose not to use them if you wish.    More information    -    Info Openarte

    ACCEPT

    Privacy , cookie & info